Intervista allo staff: Luca Zoppellaro

12 gennaio 2016

Intervista a Luca Zoppellaro, uno dei due amministratori delle palestre Progetto Benessere

Luca Zoppellaro, sposato e padre di due figli, è l’“altra metà del cielo” delle Palestre Progetto Benessere. È lui, infatti, insieme ad Antonella Bianconi, che abbiamo già conosciuto, a portare avanti le realtà di Verona e Arbizzano. E pensare che, prima di tuffarsi nel mondo dello sport, Luca era…

Domanda (D): Ma eri davvero un poliziotto?

Risposta (R): Non sembra? Giuro! Sono stato in Polizia molti anni, era un lavoro che mi piaceva molto, però ho sempre amato lo sport e tutto quello che girava intorno ad esso. Ero molto affascinato dal riuscire a trasformare una passione vera in un lavoro…

(D): Così hai riconsegnato manette e pistola e sei diventato Mister Progetto Benessere?

(R): Ma va’! Ero un buon giocatore di tennis e me la cavavo bene anche con gli sci così, mentre ero ancora in Polizia, avevo iniziato a dare gratuitamente una mano a un mio amico che gestiva un impianto di risalita… Invidiavo la sua libertà, la sua possibilità di lavorare all’aperto… così sì, ho lasciato un posto sicuro per una nuova avventura.

(D): Hai iniziato subito con le palestre?

(R): No no, ho ricevuto un’offerta di lavoro da un’azienda americana di integratori alimentari sportivi, è stato così che ho iniziato ad avvicinarmi al mondo del fitness.

(D): E quando hai incontrato la tua attuale socia Antonella?

(R): Lei era mia cliente quando ancora aveva la palestra a Montorio. Poi ci siamo rincontrati dopo il suo “stop”. Prima le facevo da consulente, lei voleva ripartire alla grande con uno stile di palestra diverso dal solito… e mi ha così convinto che alla fine abbiamo creato ilProgetto Benessere insieme.

(D): Dedichi tutta la giornata al tuo lavoro di rappresentate commerciale per il gruppo Amer e per l’azienda di attrezzi per il fitness Precor e poi, alla sera, voli alla palestra di Arbizzano… ma come fai?

(R): Si, copro le province di Bergamo, Brescia, Mantova, Vicenza, Trento e ovviamente Verona, e alla sera lavoro in palestra ad Arbizzano… basta stringere i denti (ride).

(D): Anche a te la stessa domanda che ho fatto ad Antonella: altre palestre si aggiungeranno al vostro Progetto Benessere che contempla già Verona e Arbizzano?

(R): Mah… diciamo che a me sarebbe sempre piaciuto avere una palestra in centro a Verona, magari legata più al concetto di personal trainer, di supervisione personalizzata one-to-one. Chi lo sa, vedremo!